WikiLeaks: Apple creò nel 2008 una task force contro i prodotti contraffatti

1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading...

Apple deve sempre più tutelarsi dai prodotti contraffati, al punto che, secondo le nuove rivelazioni di WikiLeaks nel 2008 sarebbe stato creato un’apposita task force all’interno di Apple. Obiettivo? Combattere i produttori e i rivenditori di prodotti contraffati (il “made in China”).

Inizialmente tramite questo team specializzato si mirava a colpire sia i produttori cinesi ma anche i negozianti ed i rivenditori online. Ma in questa lotta, l’azienda californiana non è stata sostenuta dalle istituzioni cinesi (elementare Watson). Infatti, già nel marzo 2009 le istituzioni cinesi decisero di non prendere parte ad un’indagine su una struttura che clonava i computer portatili di Apple, visto che numerosi posti di lavoro sarebbero stati messi seriamente a repentaglio.

Non essendoci stata assolutamente alcuna collaborazione con gli enti locali per bloccare i fenomeni della pirateria e dei prodotti contraffati, Apple avrebbe deciso di aumentare il raggio di azione e la distribuzione in Cina dei propri store ufficiali. Per ora sono quattro i punti vendita presenti nel territorio cinese, anche se a breve saranno cinque, visto che ne verrà creato un altro nell’area di Hong Kong.

Basterà a  contrastare i prodotti contraffati? C’è chi dice no!

Condividi ↓
Apple, News

Lascia un commento