Ecco come potrebbe essere HealthBook

1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading...
healthbook

La tanto annunciata app HealthBook, potrebbe essere il primo grande passo nel mondo del fitness e della salute compiuto da Apple. Queste funzioni inerenti il mondo del fitness e della salute sarebbero supportate da oggetti tecnologici smart indossabili. 9to5Mac ha ricostruito l’app Healthbook nella grafica in base a quello che gli utenti vorrebbero trovarci dentro. Non si sa mai che Apple esaudisca i desideri degli utenti leggendo i vari siti tecnologici.

La grafica di HealthBook ripete un’impostazione simile a quella di Passbook. PassBook in Italia non ha riscosso un grande successo, speriamo che invece HealthBook abba la possibilità di essere più a servizio degli utenti. Nella sezione dedicata alla salute ci sarebbe la possibilità di tenere sotto controllo elementi come il battito cardiaco, idratazione, pressione del sangue, attività fisica e altro. Si vorrebbe inoltre includere anche altri elementi come lo stress, lo stato della gravidanza.

Ognuna di queste funzioni ha la sua “carta”, che si distingue dall’altra per mezzo dei colori. Le “carte” ovviamente si possono scambiare di posto in modo da favorire le preferenze dell’utente.

Si vorrebbe anche introdurre su HealthBook la possibilità di misurare la glicemia in modo da aiutare i diabetici nel tenere monitorato il livello degli zuccheri. Tutta questa attività di monitoraggio si rivelerebbe interessante anche per i medici che possono trovare nella tecnologia un valido supporto.

Nella sezione riservata al fitness possiamo trovare elementi quali l’alimentazione, il peso, lo sforzo ecc. Le diverse “carte” di HealthBook possono tenere sotto controllo le calorie bruciate, la percentuale di grasso e altro. Si vorrebbe anche includere una funzione per il monitoraggio del sonno e l’idratazione durante l’attività fisica. 

Per fare tutto questo iPhone utilizzerà probabilmente anche il processore M7 che è stato introdotto proprio per il movimento. Così terze parti di hardware o di applicazioni possono accedere alle funzioni e sfruttare in pieno le potenzialità della tecnologia Apple.

Condividi ↓
Applicazioni, iOSX, Software

Lascia un commento