Apple collabora con un’azienda di batterie per auto elettriche

1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading...
CATL-battery-pack
CATL-battery-pack

Apple sta lavorando con un produttore di batterie cinese: Contemporary Amperex Technology Limited (CATL) per sviluppare delle batterie per il settore automobilistico. Le due società avrebbero un “confidentiality agreement” che quindi proibisce le due società dal diffondere informazioni sul progetto, ma qualche rumors sembra essere scappato lo stesso.

Intanto bisogna dire che CATL fa parte di Amperex Technology Limited che è già nella lista dei fornitori di Apple per quello che riguarda batterie per iPhone e altri dispositivi. La società ha la sede a Ningde in Cina e si presenta come un leader nella produzione di batterie agli ioni di litio lavorando nel settore della ricerca per nuove soluzioni per celle delle batterie, materiali e riciclaggio. CATL attualmente ha 3700 dipendenti che lavorano nel settore ricerca e sviluppo in università e laboratori in giro per il mondo. CATL dice di essere stata la terza più grande produttrice di batterie per auto elettriche e ibride negli ultimi 2 anni, dietro a BYD e Panasonic che producono le batterie per Tesla. Le batterie agli ioni di litio sono prodotte non solo per veicoli personali ma anche per veicoli commerciali.

Non si capisce perchè Apple sia interessata ad una collaborazione con CATL dal momento che ha abbandonato il progetto di un veicolo elettrico lo scorso anno. Apple però continua ad essere interessata alle tecnologie dell’automazione e non è detto che in futuro non possa riprendere in mano il progetto di un auto con guida autonoma.

Appel ha testato diversi software per la guida autonoma in un nuovo dipartimento diretto da Bob Mansfield. Il software prodotto sarebbe anche già stato testato su un modello di Lexus.

CATL vorrebbe ampliare la sua capacità produttiva a 50 gigawatt entro il 2020 e se ottenesse questo risultato potrebbe essere uno dei più grandi produttori di batterie. Tesla con la sua Gigafactory potenzialmente può arrivare fino a 150 gigawatt entro il 2020. Gli altri risultati che vorrebbe ottenere CATL riguardano i costi delle batterie e i tempi di ricarica.

Condividi ↓
News Fonte News

Lascia un commento

Advertisment ad adsense adlogger