MagazineApp.it

Guide Iphone, Ipad e Mac e News Apple

iPhone 8: che fine faranno il tasto Home e il Touch ID

1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading...
iphone 8
iphone 8

Molti sviluppatori stanno facendo indagini accurate all’interno di HomePod facendo scoperte interessanti all’interno del firmware riguardo il nuovo iPhone. La più recente scoperta riguarda il software di riconoscimento facciale che avrà il supporto anche per Apple Pay e anche app di terzi. Ma oltre a tutto questo è stato anche scoperto che il tasto Home si ridimensiona e riposiziona sullo smartphone per adattarsi alle diverse esigenze.

Lo sviluppatore Troughton-Smith ha identificato un’aera su iPhone 8 che si può allargare e ridurre così come evidenziare e scomparire in base alle necessità per l’utilizzo del tasto Home.  Non è ben chiaro se questa area possa cambiare colore ma questo sarebbe un dettaglio importante per chiarire il funzionamento del tasto Home.

L’idea di un’area funzionale è stata portata alla luce dall’analista Ming-Chi Kuo, che ha ipotizzato un’area utilizzabile di 5,15 pollici su un totale di 5,8 pollici. Nella parte rimanente dello schermo ci saranno questi tasti virtuali, di cui uno sarà proprio il tasto Home. Interessante anche l’idea della barra di stato divisa in due per accogliere nel mezzo l’altoparlante, il sensore di luminosità e la fotocamera frontale.

Per quello che riguarda il riconoscimento facciale, questo avrà gli stessi funzionamenti del Touch ID e quindi potrà essere utilizzato anche da altre app al posto di password. Il nome in codice per Apple del riconoscimento facciale sarebbe “Pearl”.

Il vantaggio del riconoscimento facciale sarebbe rappresentato in termini di sicurezza e velocità. Si stima infatti che lo smartphone possa essere sbloccato in millisecondi ed è in grado di catturare più dati del lettore di impronte digitali.

Un’altra funzione che sembra essere stata aggiunta riguarda la notifiche. Sarebbe stata aggiunta la possibilità di silenziare le notifiche grazie proprio al riconoscimento facciale che, identificando la faccia dell’utente, è a conoscenza del fatto che lo smartphone viene utilizzato in quel momento.

Condividi ↓

Lascia un commento