Cercasi lavoro in aziende con grandi marchi

1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading...

Compagnie informatiche hanno pubblicato uno studio dove si è indagato in che “Compagnie Tech” i giovani professionisti vogliono lavorare. Google è in cima alla lista dei datori di lavoro più ambiti.

Ma Apple e Walt Disney Co. sono accanto a parimerito.

Amazon.com è al quinto posto come datore di lavoro desiderabile. Microsoft in settima posizione, secondo il sondaggio, che ha intervistato 10.000 laureati con 1-8 anni di esperienza professionale. Questi potevano scegliere tra imprese di tecnologia oppure agenzie governative. Il Dipartimento di Stato è il quarto datore di lavoro più desiderato, mentre il Federal Bureau of Investigation è in sesta posizione. La Central Intelligence Agency e il National Aeronautics and Space Administration sono in ottavo e nono posto rispettivamente. Teach for America, un’organizzazione che permette a giovani laureati nelle scuole rurali e urbane di insegnare per due anni, è entrato al decimo posto.

Allora, perché Google e Apple vincono? Semplice, dice Universum: i loro marchi.

“Le aziende che sono prive di attrattivi marchi di consumo, in genere risulta difficile anche riuscire ad essere percepiti come datori di lavoro attraenti» ha affermato Kortney Kutsop della Universum Employer Branding in una dichiarazione.

“La gente oggi ama lavorare per aziende che producono i loro prodotti preferiti e servizi. Quindi anche il successo di mercato è un fattore importante: l’azienda deve essere generalmente considerata come innovativa”.

Ma anche se alcuni datori di lavoro sono più desiderabili di altri, anche Google potrebbe avere difficoltà a ottenere i giovani professionisti in un unico lavoro per un periodo di tempo prolungato. L’azienda ha trovato che 25 per cento di giovani professionisti vogliono cambiare il loro posti di lavoro entro i prossimi sei mesi, mentre il 28 per cento pensano di farlo in uno o due anni. La metà di tutti gli intervistati “hanno chiesto un nuovo lavoro esternamente o internamente nel corso dell’anno passato”

 

Condividi ↓
News

Lascia un commento