I ritardi nella consegna di Mac Pro che impatto hanno sui bilanci Apple?

1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading...
20140422-105800.jpg

Anche dopo 4 mesi dal lancio di Mac Pro, pare che Apple abbia ancora difficoltà a soddisfare tempestivamente le richieste dei clienti. È così dal momento del lancio e ancora oggi per avere un Mac Pro bisogna aspettare più di un mese. Anche la versione base richiede un tempo di attesa così lungo. I problemi dei fornitori sarebbero la prima causa e Apple è a conoscenza del fatto che questo rappresenti un rischio per la redditività.

Nel 2012 e 2013 Apple ha rilasciato dei nuovi iMac. Pare che uno dei motivi per il calo dei guadagni nel settore Mac sia da imputare proprio a problemi con i fornitori. I problemi con i fornitori hanno ridotto del 22% i guadagni del settore Mac in quei trimestri secondo i dati di Apple. Bisogna però dire che iMac non è proprio con Mac Pro. Un impatto negativo delle vendite di Mac Pro influisce meno negativamente sulle vendite rispetto ad iMac. I volumi di vendita sono completamente diversi.

iMac e MacBook sono i due computer di testa di Apple, mentre Mac Pro è il computer top di gamma ma che si riferisce ad una clientela di nicchia. Problemi con i fornitori per le vendite di Mac Pro non avranno sicuramente lo stesso impatto sulla redditività del settore Mac nel trimestre. Bisogna inoltre tenere in considerazione che le vendite della divisione Mac influiscono sull’11% del fatturato Apple. Insomma, problemi con iMac influiscono in modo piccolo in una divisione che influisce in modo ancora più piccolo sull’intero bilancio.

Ma a cosa sarebbe dovuto questo ritardo nella consegna dei Mac Pro. Principalmente alla nuova fabbrica che Apple ha costruito apposta per produrre questi nuovi Mac Pro. La fabbrica non è ancora pienamente a regime, come è normale per le nuove installazioni. Apple potrebbe potenziare la produzione in questo periodo per arrivare a soddisfare la domanda iniziale che è stata superiore alle aspettative.

Condividi ↓
Mac, Mac Pro

Lascia un commento